You are currently viewing G. Cantillo, Esistenza, ragione e trascendenza. Studi su Karl Jaspers

G. Cantillo, Esistenza, ragione e trascendenza. Studi su Karl Jaspers

a cura di M. Anzalone, A. Donise, P.A. Masullo e F. Miano

Il Mulino, Bologna 2020

A Karl Jaspers, psicopatologo e filosofo, si deve una particolare declinazione della filosofia dell’esistenza, strettamente connessa a un ripensamento della relazione terapeutica in ambito psicopatologico. Ed è proprio a partire dall’attenzione alla singolarità del malato con la sua patologia psichica, dall’interesse per la soggettività concreta, nella sua vulnerabilità e unicità, che Giuseppe Cantillo interpreta, nei saggi raccolti in questo volume, la filosofia dell’esistenza di Jaspers. Decisive per la comprensione dell’esistenza, sono, nella lettura dell’autore, alcune categorie che Jaspers elabora in costante dialogo con la tradizione filosofica: la comunicazione, che può divenire conflitto ma anche lotta amorosa, le visioni del mondo, che limitano ogni forma di assolutismo, o la «cifra» in cui il divino si fa presente come ricerca e non come possesso. Ma lo Jaspers che incontriamo nelle pagine di Cantillo è anche il pensatore impegnato in una riflessione di natura etico-politica sulla bomba atomica, sul problema della tecnica, sulle questioni del nichilismo e della secolarizzazione; riflessione che, pur radicandosi nella storia del Secondo dopoguerra, conserva intatta la sua attualità.